CBD Blog

Benefits CBD oil

Olio di CBD: Quali sono i suoi benefici?

È facile farsi coinvolgere dal vortice di informazioni che circondano l’olio di CBD, ma quanto c’è di vero e cosa sappiamo esattamente dei benefici dell’olio di CBD? Per aiutarti a capire se l’olio di CBD può effettivamente aiutarti a sostenere uno stile di vita più sano, adotteremo un approccio basato su dati concreti al fine di verificare se il CBD è davvero in grado di influenzare e di far bene a pelle, cervello e sistema immunitario.

Può sembrare strano che un singolo composto abbia la capacità di influenzare così tante parti del nostro corpo, ma il CBD non agisce da solo. Interagisce con il nostro sistema endocannabinoide (SEC), un’importante rete di regolazione interna che svolge un ruolo cruciale nel mantenimento dell’omeostasi.

COME FUNZIONA L’OLIO DI CBD?

Il nostro corpo è in costante attività per mantenere l’omeostasi, uno stato di equilibrio biologico. Questo principio non si applica solo quando stiamo bene. La differenza è che, quando ci ammaliamo, il corpo sposta l’attenzione a sostegno del sistema immunitario, prima di ritornare allo stato di equilibrio una volta passata l’infezione. Questo processo avviene giorno dopo giorno, il più delle volte a nostra insaputa. Ma i problemi sorgono quando il nostro corpo trascorre troppo tempo in uno stato di disequilibrio.

Il ruolo del SEC è supportare e monitorare quest’attività per mantenere tutti gli equilibri attraverso una vasta rete di recettori e, se necessario, stimolare il rilascio di potenti endocannabinoidi ed enzimi. Tuttavia, esattamente come il nostro organismo ha bisogno di aiuto da parte del SEC, a volte anche il SEC ha bisogno di una mano. Ed è qui che interviene il CBD. Secondo numerose ricerche, questo composto sarebbe un potente mediatore capace di rafforzare ulteriormente lo stato di equilibrio che il corpo cerca continuamente di raggiungere.

QUALI SONO I BENEFICI DELL’OLIO DI CBD?

Resta da vedere l’esatta portata del potenziale del CBD. Nonostante la sua azione sul SEC e la sua apparente mancanza di effetti collaterali lo rendano un efficace alleato contro alcune malattie, c’è ancora molto da imparare. Nel frattempo, l’unica cosa che possiamo fare è evidenziare i risultati più incoraggianti ottenuti dagli studi preclinici e da quelli condotti su modelli animali.

• L’olio di CBD è benefico per il sistema immunitario?

L’infiammazione è una parte cruciale della nostra risposta immunitaria. Senza di essa non potremmo mai combattere le infezioni o riparare le lesioni dei nostri tessuti vivi. Tuttavia, se la nostra risposta infiammatoria persiste o inizia ad attaccare le cellule sane, si possono verificare condizioni pericolose.

Uno studio del 2012, condotto dal laboratorio di neuroscienze integrative, ha scoperto che il CBD e “i suoi derivati modificati sopprimono in modo significativo le infiammazioni croniche e il dolore neuropatico”. Non c’è voluto molto per vedere un altro studio pubblicato sulla rivista Molecular Medicine Reports che sosteneva gli stessi risultati. Esaminando un modello animale di infiammazione su roditori, sono state evidenziate le attività “anti-apoptotiche, antinfiammatorie ed antiossidative” del CBD.

• L’olio di CBD è benefico per la pelle?

Fortunatamente, non sono solo i nostri sistemi interni a disporre dei recettori dei cannabinoidi. Sono presenti anche sulla nostra pelle che, nonostante faccia un ottimo lavoro per proteggerci da lesioni, infezioni ed altro ancora, può cadere vittima di malattie dannose.

Uno studio del 2007 condotto dall’Università di Nottingham ha identificato che “i cannabinoidi inibiscono la proliferazione dei cheratinociti,” supportando un potenziale ruolo nel trattamento della psoriasi. La funzione principale dei cheratinociti è quella di proteggere la pelle dai fattori ambientali, ma i patogeni possono far sì che queste cellule diventino pro-infiammatorie.

Nel 2014, la rivista Journal of Clinical Investigation pubblicò uno studio che mostrava la mediazione del CBD sui sebociti umani. Normalmente, le ghiandole sebacee secernono il sebo per mantenere lubrificati i capelli e la pelle. Tuttavia, esattamente come troppi cheratinociti possono causare infiammazioni, troppo sebo può ostruire i pori contribuendo all’insorgenza dell’acne.

I ricercatori hanno concluso che “il CBD si comporta come un agente sebostatico altamente efficace”, aggiungendo inoltre che il composto “potrebbe essere un promettente agente terapeutico per il trattamento dell’acne vulgaris”.

• L’olio di CBD è benefico per il cervello?

Un altro problema di salute influenzato dallo stress ossidativo è il morbo di Alzheimer. Sappiamo già da studi sul nostro sistema immunitario che il CBD ha proprietà antinfiammatorie. Il dipartimento di farmacologia sperimentale ha scoperto che, trattando le cellule PC12 con CBD, il cannabinoide può inibire la degradazione cellulare causata dal betamiloide. Il betamiloide è un composto distruttivo che si attacca alle cellule ed ostacola la loro funzione primaria.

Il CBD ha mostrato qualità neuroprotettive analoghe in una recensione del 2017 pubblicata su CNS & Neurological Disorders – Drug Targets. Confrontando i dati di studi preclinici e clinici, i ricercatori hanno riconosciuto il potenziale ruolo del CBD nella malattia di Parkinson (MP), nel morbo di Alzheimer (MA) e nella sclerosi multipla (SM). Tuttavia, hanno messo anche in evidenza la necessità di ulteriori prove attraverso test umani ben congegnati.

BENEFICI DELL’OLIO DI CBD: CONCLUSIONI

Gli studi sopra descritti sono un’istantanea della potenziale influenza del CBD. Per fortuna, l’interesse per il composto è più grande che mai e quasi ogni giorno vengono alla luce nuove prove. Tuttavia (e questo è un “tuttavia” bello grosso), buona parte degli studi è ancora in fase preclinica o in fase clinica precoce, per cui è difficile determinare i benefici del CBD con assoluta certezza.

Sebbene i risultati siano indubbiamente molto incoraggianti, le cose potrebbero cambiare radicalmente una volta che il CBD verrà testato anche sull’uomo. Il netto vantaggio del CBD è che sembra mostrare effetti collaterali minimi ed un ottimo profilo di sicurezza. Provare l’olio di CBD per la prima volta è semplice e alcune gocce potrebbero fare molto per sostenere uno stile di vita equilibrato.

Scroll to top